Reclami

Nel caso in cui sorga una controversia tra l’Impresa e/o gli eventuali garanti e Fidimed relativa all’interpretazione, applicazione ed esecuzione del Contratto ovvero alle attività preliminari o connesse effettuate, l’impresa e/o i garanti possono presentare un reclamo a Fidimed tramite lettera raccomandata A/R o per via telematica all’Ufficio reclami con le seguenti modalità:
lettera raccomandata A/R all’indirizzo:
Fidimed Scpa – via Siracusa, 1/E – 90141 Palermo (PA)
posta elettronica all’indirizzo: info@fidimed.eu
via PEC all’indirizzo: confidipalermo@legalmail.it

Fidimed deve rispondere entro 30 giorni dal ricevimento del reclamo stesso. Se l’Impresa e/o gli eventuali garanti non sono soddisfatti o non hanno ricevuto risposta entro il suddetto termine, possono rivolgersi all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) secondo il procedimento istituito in attuazione dell’art.128-bis del Testo Unico in materia bancaria e creditizia di cui al D. Lgs. 1° settembre 1993 n.385, ove ricorrano i presupposti previsti dal regolamento di tale organismo. Per sapere come rivolgersi all’Arbitro si può consultare il sito www.arbitrobancariofinanziario.it, chiedere presso le Filiali della Banca d’Italia, oppure chiedere all’Intermediario. La decisione dell’Arbitro non pregiudica la possibilità per l’Impresa e/o per i garanti di ricorrere all’autorità giudiziaria ordinaria; in tal caso essi non saranno tenuti ad esperire il procedimento di mediazione di cui al successivo paragrafo. Prima di fare ricorso all’autorità giudiziaria, l’ente finanziatore e/o l’Impresa devono esperire il procedimento di mediazione, quale condizione di procedibilità, ricorrendo, ai sensi dell’art. 5 comma 1 bis Decreto Legislativo 4 marzo 2010 n. 28:
all’Organismo di Conciliazione Bancaria costituito dal Conciliatore Bancario Finanziario – Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie – ADR (www.conciliatorebancario.it, dove è consultabile anche il relativo Regolamento), oppure
ad uno degli altri organismi di mediazione, specializzati in materia bancaria e finanziaria, iscritti nell’apposito registro tenuto dal Ministero della Giustizia, oppure
all’Arbitro Bancario Finanziario.
In caso di variazione di tale normativa si applicheranno le disposizioni all’epoca vigenti. Le disposizioni sopra indicate valgono anche per le controversie che dovessero sorgere tra Fidimed e gli eventuali garanti dell’Impresa.